VINETTI CAMPIONESSA ITALIANA

Biella, 10/11 giugno 2006 – Campionato Nazionale di Specialità 

SONIA VINETTI E’CAMPIONESSA ITALIANA !!!

Federica Vaccaro e Sonia Landolina Vice Campionesse Italiane

…Questo titolo potrebbe bastare da solo a descrivere quanto accaduto lo scorso week end.

Che bisogno c’è di aggiungere altre parole e, soprattutto, come è possibile descrivere tutti i sentimenti che si sono alternati nei cuori e nelle menti del popolo di Eurogymnica durante il Campionato Italiano di Specialità  del 10 e 11 giugno 2006, in modo da far comprendere a chi legge cosa abbia potuto significare esserci ?

Certo, la stesura del reso conto va fatta. Per dovere di cronaca. Per coloro che vogliono saperene di più. Per noi che c’eravamo ma che drogati da quelle sensazioni che ci hanno inebriato e sconvolto, adesso vogliamo continuare a ricordare.

“Lavorerಠdi più” faceva dire Orwell ad un generoso quanto fiero cavallo, nella “Fattoria degli animali”.

Ed è quanto ci siamo detti noi di Eurogymnica per anni.

Il lavoro alla fine pagherà …pagherà …pagherà …

Uno slogan divenuto quasi una litania o una sorta di rito scaramantico per allontanare le delusioni dei momenti difficili e non permetterle di ferirci troppo profondamente.

Fino a domenica pomeriggio, quando una giovane ginnasta, avvolta in un body verde e con una palla tra i piedi, si è adagiata sulla pedana. Una musica romantica e velata di tristezza ha riempito l’enorme sala e iniziato a sospingere quell’esile figura di qua e di là .

Come un alito di vento gioca con una piuma e descrive traettorie imperscrutabili, che a noi poveri umani paiono casuali, la piuma ha iniziato a librarsi nel vuoto e a corteggiare quella sfera magica. Le due forme parevano entrambe animate e viventi. Anzi, lo erano sicuramente e tutti intorno a me lo confermavano e lo giuravano, vedendo come si inseguivano e ruotavano e rotolavano e poi si allontanavano per riprendersi e poi ancora di nuovo da capo e ancora e ancora… La passione sembrava non finire mai.

Poi, la musica è sfumata ed un fragoroso applauso ha rotto l’incantesimo. La piuma è ritornata folletto e saltellando allegramente si è tuffata fra le braccia di chi da sempre condivide e vigila sui suoi sogni di ginnasta.

Un’ora dopo Sonia Vinetti saliva sul gradino più alto del cielo, con al collo una medaglia d’oro ed un trofeo, a testimoniare inequivocabilmente che nel 2006 era lei la migliore ginnasta junior d’Italia di specialità  con la palla.

Ma incredibilmente le emozioni non erano finite.

Prime nelle eliminatorie, Sonia Landolina e Federica Vaccaro, nella coppia cerchio e clavette, sfioravano un’impresa che avrebbe consacrato Eurogymnica come l’unica società  italiana ad aggiudicarsi due titoli nella stessa giornata.

Solo l’exploit della bella coppia della Putinati Ferrara le ha strappato dal collo una medaglia d’oro, per soli 0,15 centesimi: un’inezia.

Per Eurogymnica, dunque, una Campionessa d’Italia e due vice Campionesse.

Per correttezza, ma non per giustificazione, è giusto ricordare che Federica soffre da mesi di una fastidiosa infiammazione ad un ginocchio che ieri a dovuto sopportare un carico extra a causa della doppia prova di coppia e della finale al nastro senior, nella quale l’Euroginnasta si è classificata quinta.

Stessa sorte è toccata a Sonia Landolina, che salita sul terzo gradino del podio nazionale due anni fa a Salerno, non è riuscita a ripetersi a Biella.

Una giornata storica con il primo Titolo Italiano della nostra storia ed un argento che va ad aggiungersi a quello conquistato nel 2003 dalla squadra a Verona.

Per concludere, ci preme ricordare che da tempo immemore una società  torinese non otteneva simili risultati e per noi il fatto di aver raggiunto questi successi con ginnaste torinesi, entrate in società  all’età  di 5 o 6 anni e che hanno frequentato i primi corsi di avviamento nelle scuole presso le quali Eurogymnica lavora da quasi 15 anni, è fonte di grandissimo orgoglio.

Mentre altri trovano più interessante “importare” direttamente dall’estero quello di cui hanno bisogno, nel tentativo di ottenere più facilmente dei risultati, Eurogymnica, come molte altre società , ha fatto un’altra scelta: puntare sulle proprie forze e sul vivaio, investendo sulla formazione delle tecniche e delle ginnaste e, naturalmente, sull’impegno costante.

Un enorme ringraziamento va, allora, a Tiziana, Marzia, Giusi e a tutte quelle tecniche che si adoperano perchè i risultati di oggi si ripetano in futuro.

PHOTOGALLERY