Finale Serie C 2010

La nevicata sul Piemonte porta bene alle blue babies

EUROGYMNICA SECONDA A CENTALLO

None e quindicesime le altre due formazioni di EG in Serie C

Soffia il vento, infuria la bufera…..

Più forte della bufera soffia però la passione per la ginnastica ritmica.

E quale altra spiegazione ci potrebbe essere a giustificare un palazzetto stracolmo di spettatori ed un parterre formicolante di giovanissime ginnaste mentre all’esterno si scatena il generale inverno?

E dire che il tempo ed i meteorologi ce l’avevano messa tutta per scoraggiare gli appassionati ad intraprendere una tale trasferta. All’alba, un rapido sguardo fuori dalla finestra non dava spazio alla fantasia alimentando una flebile fiammella di speranza in una telefonata che avrebbe annunciato la sospensione della competizione a causa del maltempo… Niente.

…Eppur bisogna andar…

Una volta imboccata la strada verso la Granda, si discuteva fra noi facendo supposizioni su chi non sarebbe arrivato, per scelta o per forza. L’happening domenicale questa settimana aveva tanto il sapore dell’est Europa, terra di ghiacci perenni dove la ritmica è nata e continua a proliferare.

Così dopo tanta strada in mezzo alla neve caduta e cadente, ecco apparire finalmente Centallo, fiorente (?) cittadina collocata nel bel mezzo della deserta tundra cuneese.

“L’igloo più grande potrebbe essere il palasport” dice qualcuno che ha esperienza di queste latitudini. E così è!

Dietro la curva… sorpresa. Auto che manovrano avanti e indietro, truppe di topine che corrono sotto i fiocchi verso l’interno palestra, papà  e mamme che assaltano la macchinetta del caffè, giudici, tecnici che sciolinano le mezze punte, impavidi dirigenti, Viviana (Pastorelli), Ida (fotografa).

Ci sono TUTTI!!! Ci siamo proprio TUTTI!!!

Da Aosta, da Biella, da Valenza, Alba, Nizza, dal torinese e dal cuneese. Non manca proprio nessuno, a parte naturalmente chi dovrebbe esserci ma tanto non c’è mai.

Che peccato perdersi uno spettacolo del genere. “Io c’ero!” Potremo dire in tanti tra qualche anno.

Non posso che chiedermi come sia possibile che con un tale attaccamento, una così smisurata passione, una voglia così forte di partecipare e stare insieme, il mondo della ritmica, che puಠperaltro contare anche su grossi numeri, non riesca a ritagliarsi una maggiore considerazione mediatica ed anche commerciale. Non sarà  che siamo noi i primi a non credere nelle nostre potenzialità ?

Quasi in orario inizia la gara ed una ad una sfilano in pedana le 33 squadre iscritte a questa II Prova di Serie C Regionale 2010. Una ciaspolata in punta di mezzepunte che dura diverse ore ma che scorre via in scioltezza tra un esercizio e l’altro, regalando anche dei bei momenti di ginnastica.

Il podio di giornata: Valentia A, Concordia A, Eurogymnica A.

Vince invece il Campionato Regionale al meglio delle due prove, la Valentia Squadra A (62,750) che schiera la rediviva Cecilia Re, rientrata in pedana dopo lo stop forzato a causa dell’operazione di appendice.

Seconde nella classifica che conta davvero le EGirls dell’Eurogymnica A (61,050): Annika Sereno, Alma Cauzer, Alessia Zacchè e Francesca Sodano che nell’arco delle due gare fanno una buona impressione e confermano il trend in ascesa.

Sul terzo gradino del podio le cugine chivassesi della Concordia (57,175) assenti per la prima prova ma apparse assai toniche in questa circostanza.

EG piazza le altre due compagini bianco blu fra le prime 15 squadre ed è forse questo il risultato che spicca maggiormente nell’economia del campionato.

Nona piazza per il trio Eurogymnica B (52,050) Allegra Cutrona, Silvia Marchese e Chiara Aimar .Trasformate dallo scorso anno appaiano assai determinate, fisicamente ben preparate e danno filo da torcere anche a compagini più accreditate sulla carta.

Affronteranno la C2 Nazionale con una maggior fiducia nei propri mezzi.

Lo stesso valga per le eleganti ginnaste di Eurogymnica C (47,650) con Ilaria Cucciniello, Valentina Sarzano, Martina Davi e Clarissa Cella, quindicesime ma sempre a pochi passi dalle squadre che le precedono.

La gara si conclude nel tardo pomeriggio, il palasport si svuota e con lui il paese che ci ha ospitati; le carovane ripartono ancora sotto la neve battente per arrivare a destinazione solo dopo molte ore.

Rhythmic is different…

Torino, 08 marzo 2010