Sonia ed Ylenia onorano i 20 anni di Eurogymnica

Campionato INTEREGIONALE di CATEGORIA zona NO 2007

Al PalRuffini di Torino SONIA VINETTI: ORO e RECORD SOCIETARIO

insieme ad Ylenia Gugliotta sono le prime due ginnaste di Eurogymnica a qualificarsi per una finale Nazionale di Categoria

Grande commozione a fine gara tra il popolo di Eurogymnica.

Le emozioni che hanno invaso i cuori di tutti coloro che hanno operato dal 18 al 20 maggio 2007 per la riuscita del Campionato Interregionale di Categoria, alla fine sono state davvero troppe. Grandi cuori generosi incapaci perಠdi contenere tanta sublime e debordante bellezza.

I primi segni di cedimento emotivo si erano manifestati già  in mattinata, quando Ylenia Gugliotta nelle Junior I Fascia conquistava la qualificazione ai Nazionali di Categoria che si terranno a Biella in ottobre.

Una prova magnifica, ottenuta confrontandosi con atlete di altissimo valore.

Crediamo sia sufficiente leggere la classifica, i nomi delle ginnaste e le Società  di provenienza per rendersi meglio conto di cosa la giovane Euroginnasta sia riuscita a combinare.

Marchetto Alessia della Virtus Gallarate vinceva la gara con 54,400 seguita appunto da Ylenia seconda a soli 0,150 pt. e poi da Reale Nathalie della Brixia di Brescia ed ancora dalle amiche e rivali Perona Margherita e Martina Broglia della Pietro Micca.

Marchetto e Gugliotta si giocavano il Titolo all’ultimo attrezzo svettando ognuna su due attrezzi. Alessia ipotecava il primato con la fune e con il nastro mentre Ylenia aveva la meglio con la palla (14, 550 e miglior punteggio di giornata) e con il cerchio.

Per entrambe tanti applausi e una meritata qualificazione ai Nazionali.

Mentre era in svolgimento la gara riservata alle Senior e si esibiva in pedana la Campionessa Italiana Assoluta Romina Laurito della Virtus Gallarate (Società  Campione d’Italia di Serie A1) entrava in campo di riscaldamento Sonia Vinetti.

Alla notizia della piccola/grande impresa della compagna di squadra, la stellina di Eurogymnica scoppiava in lacrime subito imitata da tanti presenti.

Si concludeva, intanto, la gara Senior con la vittoria di una elegantissima Sara Menassi della Brxia allenata da Betti Ladavas, seguita da Laura Vernizzi di San Giorgio Desio e dalle due biellesi Vittoria Bricarello, sponda Pietro Micca e Marta Anrಠdella La Marmora.

Tutte e quattro qualificate per la finale nazionale.

Era finalmente la volta delle Junior II Fascia.

Dopo la fune di Stefania Fogliata della Brixia, Sonia esordiva alla palla in maniera determinata, con l’esercizio che neppure un anno prima le aveva regalato il Titolo Italiano di Specialità : 14, 800.

Nella rotazione successiva Stefania metteva paura alle avversarie aggiudicandosi il miglior punteggio della gara alla palla: 15, 500 !

Toccava ancora a Sonia con il nastro. Per nulla turbata da quanto accaduto e perfettamente concentrata sulla sua musica ispanica, la Carmen subalpina otteneva un buon 14, 625 secondo solo al 14, 925 di Soraya Monza della Ritmica Nervianese.

Iniziava l’ultima rotazione e Sonia otteneva alla fune un punteggio consistente: 15, 050 migliore della gara nella specialità .

L’accesso all’ultimo attrezzo era sicuro ed anzi, Sonia si presentava in testa alla classifica parziale.

Le sei finaliste imbracciavano il cerchio e sfilavano una ad una in pedana. Le certezze spazio temporali conosciute prendevano un’altra forma ed iniziavano a dilatarsi e a contrarsi a loro piacimento, così come le coronarie di tutto il popolo in blu.

Un testa a testa dal finale hitchcockiano, nonostante la musica di accompagnamento del cerchio di Sonia fosse tratta da un famoso film di Federico Fellini.

Stefania Fogliata: 15, 325

Sonia Vinetti: 15, 200

Era il verdetto finale che sanciva l’impresa di Sonia e delle sue tecniche.

La voce amica dell’instancabile Fabio Gaggioli scandiva il nome della vincintrice e della sua Società  di appartenenza e brividi gelati correvano giù per la schiena (fuori dal campo visivo…) di tanti amici alla lettura della classifica finale: Eurogymnica – Brixia – San Giorgio Desio – Nervianese …. ma questa volta non era un sogno….