Elisa Blanchi benedice la Serie A2 di EG!

Un’avventura sta per cominciare

EG, LA SERIE A2 E UN OSPITE MOLTO SPECIALE

Al Moncrivello il popolo di EG festeggia la Squadra

Sono le 18 e 50 quando il palasport Moncrivello esplode in un urlo di gioia.

Elisa Blanchi, Campionessa del Mondo con la Squadra Nazionale di Ginnastica Ritmica a Mie in Giappone ha appena fatto il suo ingresso nella struttura che di lì a poco ospiterà  la manifestazione di presentazione del Campionato Italiano di Serie A2 – 2009.

La strepitosa atleta, beniamina di tutte le ginnaste, ha accettato di essere testimonial e porta fortuna della Squadra di EG impegnata da sabato 24 ottobre pv nel Campionato di A2 che si preannuncia ostico e combattutissimo.

Alla presenza dei più titolati personaggi del mondo politico della provincia tra i quali è doveroso ricordare il Vice Presidente e Assessore allo sport della Provincia di Torino nonché Presidente del CONI Regionale Gianfranco Porqueddu, l’Assessore allo Sport della Città  di Torino Giuseppe Sbriglio, il Vice Presidente della VI Circoscrizione Vincenzo Misuraca, il Vice Presidente della FGI Matildio Paccotti, il Vice Presidente del Panathlon Club Torino Olimpica Roberto Polloni, l’On. Patrizia Bugnano, il “nostro” Assessore Barbara Bandoli e tanti altri, l’Onda Blu ha voluto stringersi intorno alle EGirls che saranno impegnate nell’arduo compito di ripetere l’impresa riuscita lo scorso anno alla prima esperienza in A2 e che a sorpresa le collocಠal quarto posto della classifica finale.

Il programma della serata, condotta da Enrico Zambruno e Valeria Ciardella, noto volto di Juve Channel, prevedeva tre momenti di spettacolo nei quali le ginnaste di Tiziana Colognese, sotto lo sguardo attento di Elisa, si sono prodotte in performance intrise di suggestivi elementi di ritmica e di emozionati collaborazioni coreografiche che hanno strappato lunghi applausi al pubblico intervenuto in massa ed assiepato in ogni ordine di posti.

Un pubblico composto da ginnaste di EG e da pochi altri fedelissimi amici, non per desiderio di esclusività  ma per necessità  dettate da regole di sicurezza imposte dai limiti della struttura.

Tanti gli striscioni di incoraggiamento per il team torinese alla vigilia della trasferta di Fabriano, sede della prima prova del campionato e alla quale si daranno appuntamento altre nove società : Brixia di Brescia, Polimnia Ritmica Romana, Flaminio Roma, Motto Viareggio, Ardor Padova, Udine, Spoleto, Nervianese e Legnano.

Difficili i pronostici e molte le società  in grado di aspirare alla promozione in A1 e allo stesso tempo molti anche i rischi di retrocessione causati dalla formula a punteggi speciali.

Come sottolineato dall’allenatrice Colognese, la serenità  attuale del gruppo deriva dalla consapevolezza di essersi preparato con la massima attenzione e il massimo impegno all’appuntamento.

La pedana dirà  il 5 dicembre 2009 a Biella con l’ultima prova se questo ha coinciso anche con una posizione di classifica onorevole.

Anche Elisa si è trattenuta a lungo con le EGirls, dedicando un in bocca al lupo speciale alla squadra e ricevendone in cambio una sorpresa: una torta con 22 candeline e tanti fiori per celebrare il compleanno festeggiato appena 48 ore prima.

Al termine della manifestazione l’allieva di Emanuela Maccarani, coach della Nazionale delle meraviglie, ha posato a lungo con le ginnaste di EG, regalando per mezz’ora autografi e fotografie a tutte le piccole fans.

E’ un piacere poter descrivere Elisa Blanchi, una ginnasta favolosa che in una lunga carriera iniziata una quindicina di anni fa presso l’A.S. Xistos Velletri ha vinto davvero tutto. Indossata la maglia azzurra per la prima volta nel 1999 a Budapest, ha conquistato allori agli Europei, Mondiali, Coppe del Mondo e anche quel prezioso argento olimpico ad Atene 2004, così determinante nella vita sportiva e non solo di una persona.

Già  solamente tutto questo dovrebbe essere sufficiente per rispettarla. Eppure, starle accanto, dialogare con lei o vederla prestarsi con infinita disponibilità  alle attenzioni talvolta un po’ troppo asfissianti delle ammiratrici (e ammiratori) senza mai un gesto di fatica o di fastidio o un atteggiamento insofferente da star televisiva, fa sì che quel rispetto si trasformi rapidamente in affetto.

Una semplicità  ed un’educazione che fanno di un personaggio un grande esempio da seguire e che non esiteremo ad indicare come modello al quale ispirarsi a tutte le aspiranti ginnaste e future donne che frequentano i nostri corsi.

Ne abbiamo potuto avere conferma nelle ore passate in sua compagnia e che non dimenticheremo.

Grazie Elisa!

Giusto e doveroso infine ringraziare coloro che ci hanno permesso di realizzare l’evento e ai quali siamo davvero grati: EFFELLE, GeGe Gelateria, Franco Hair Stylist.

Finale con ola sugli spalti a rimembrare le medaglie di Torino 2008.

Anzi, ancor meglio: “OLA BLU”

Torino, 16 ottobre 2009