Serata di gala per EG ai Nazionali di Categoria 2012!

SARAH, A(RE)ZZO E LA RIVINCITA

Decima posizione in una gara spaziale

 

La grande ritmica è approdata ancora una volta ad Arezzo con la Petrarca del Presidente Pratesi impegnata nell’organizzazione di questo Campionato Italiano di Categoria che si prospettava molto avvincente.

La pianificazione dei due giorni ha collocato a ragione la gara regina, quella tra le seniores, nel pomeriggio – sera di sabato.

Serata di gala quindi per le 29 protagoniste che non hanno certo tradito le attese, dando vita anche a duelli a distanza e lasciando spazio all’incertezza non solo per i posti sul podio ma anche per le piazze retrostanti.

Ottima EG grazie a Sarah Re, paladina dei nostri colori che ha ben impressionato, sia per la tenuta psicologica che per quanto dimostrato. Inserita nel primo gruppo di ginnaste chiamate a scendere in pedana, l’esile e schiva EGirl si è vista obbligata dal sorteggio ad iniziare la maratona con un mezzo passo falso e con l’attrezzo a dire degli esperti il meno stabile, la palla (22,400).

Ghiaccio da rompere, concentrazione da trovare e il fantasma di un’altra finale non proprio andata secondo i desideri; tutti fattori di distrazione ai quali perಠla genovese ha saputo resistere e porre rimedio già  dalla seconda rotazione, quella che la vedeva cimentarsi con le clavette (23,525). Punteggio assai interessante che le permetteva di accorciare le distanze con le dirette avversarie e fare il pieno di convinzione.

Sarah Re

Il cerchio (22,850) concludeva il percorso di avvicinamento verso la finale con un quinto posto parziale in attesa del secondo gruppo.

La casualità  del sorteggio è talvolta bizzarra e sistema proprio nel secondo gruppo le ginnaste ritenute più degne di giocarsi le prime posizioni.

Di Battista, Pala, Di Luca & C. iniziano a bombardare con regolarità  il muro dei 25 punti e addirittura quello dei 26, sgretolandoli.

I rischi aumentano ma alla fine l’EuroGymnasta si ritrova ampiamente dentro alla finale, ad occupare l’undicesima posizione.

Rincuorata dall’aver centrato il primo obiettivo e sostenuta da un tifo transappenninico secondo solo a quello riservato alle beniamine di casa, Sarah sfodera la prestazione che non ti aspetti proprio al quarto attrezzo, il nastro (23,550), mantiene le distanze dalle inseguitrici, supera la ginnasta che la precedeva e conquista la decima piazza finale.

Un decimo posto di questo genere si festeggia e si assapora. Ancor di più al primo anno da Senior.

La città  del Petrarca che pochi mesi fa era stata scenario della retrocessione in B per l’ex squadra di Sarah, al termine di una stagione controversa, deve questa volta registrare la rigenerazione dell’atleta.

Non c’è nulla come lo sport che fornisca sempre un’ulteriore chance di rivincita, basta davvero impegnarsi per guadagnarsela.

Brava Sarah e brave le tecniche per aver profuso una buona dose di tranquillità  alla ginnasta. Non è né semplice e neppure scontato mantenere la concentrazione attivandosi e disattivandosi emotivamente durante una gara di 5 ore, senza venirne divorate.

Incoraggiante anche il fatto che molte ginnaste appartenenti a club concorrenti in A1 si siano piazzate alle spalle della nostra atleta.

Certo la Serie A è ancora distante ma per vizio ci piace prendere il buono dalle esperienze che viviamo e lavorare sulle lacune.

Per la cronaca, vince Chiara Di Battista (Armonia d’Abruzzo), tornata al massimo, ma con pochi centesimi di vantaggio su Giulia Pala (S. Giorgio Desio). Bronzo ad un’altra Giulia, la Di Luca (S.Giorgio Desio).

LA CLASSIFICA CLICCANDO QUI! Nazionali Categoria 2012