SERIE A1 – 2012: II PROVA A CHIETI

LE EGIRLS RIMONTANO MA NON BASTA

Debutta Annika Sereno al corpo libero

E’ il Palatricalle di Chieti ad accogliere la II Prova del Campionato di Serie A1 di ginnastica ritmica ed è l’Armonia d’Abruzzo della presidente Anna Mazziotti a fare gli onori di casa.

L’organizzazione è rodata e l’evento sfila via senza intoppi né incertezze, piacevolmente, se si eccettua il panico scatenato dall’infortunio di una giovane ginnasta occorso durante l’esercizo.

A terra, in lacrime e visibilmente sofferente l’atleta bambina si perde nel deserto della pedana color sabbia: sola…

Il pubblico inizialmente esterrefatto assiste immobile e ammutolito per lunghe frazioni di secondo, in attesa di veder precipitarsi qualcuno autorizzato a dare soccorso e consolazione.

Come in un incontro di tennis gli sguardi palleggiano dalla giuria alla postazione del medico, a quella dello speaker ma nessuno si muove: vai tu o vado io? Che enorme responsabilità  tocca prendersi quando si è in quelle situazioni: soccorrere una bambina o applicare il regolamento?

Il sottofondo musicale rende tutto ancor più surreale. A quel punto gli spalti esplodono, le urla all’indirizzo di chi dovrebbe avere titolo e autorità  per agire risvegliano tutti dalla catalessi e anche qualcuno la cui coscienza pare essersi assopita. Show must go on? Tristezza…

La mal capitata viene portata fuori a braccia e si ricomincia.

Alle 20,00 per le EGirls ricomincia le Serie A1 proprio da dove si era interrotta: da Biella 2012? No da Arezzo 2011…

...”è bello vedere delle classifiche sempre nuove, mai scontate, insomma si parte tutti dallo stesso livello e poi bisogna giocarsela in campo di volta in volta”. ..

EG se la gioca e butta in campo tutte le energie a disposizione, atletiche e nervose. Al corpo libero si rivede Annika Sereno, mattatrice solo una settimana prima in Serie B ma in grado addiritura di fare meglio (24,000). Il folletto subalpino, che spacca in pedana, segna un altro esordio per Eurogymnica in Serie A, l’ennesimo, che testimonia le tante risorse del nostro club.

Fatica Sarah Re alla fune (22,625) alla quale non viene certo perdonata qualche opportuna titubanza mentre un’elegante Sara Celoria acchiappa un bel 24,000 alla palla. Dora Vass impegnata con cerchio e clavette conosce emozioni inaspettate e l’ebrezza del campionato italiano, quello più bello del mondo: per lei i punteggi più bassi della sua carriera, rispettivamente 24,975 e 24,650. Comprensibile ed evidente, non si tratta certo di una ginnasta dell’est. Anzi sì, ma dell’est sbagliato. E tanto meno si tratta di un ‘italiana.. dell’est … quello giusto.

Chiude Elisa Vigna Cit al nastro (23,525): brava e bella.

Una bella prestazione, difficile da criticare ma che non porta molto lontano.

Le EuroGymnaste chiudono infatti none, di poco davanti alla Ritmica Piemonte e di poco dietro, ad Arcobaleno Prato e Brixia. Poco, troppo poco per lasciare l’ultima posizione in classifica generale.

Alla fine della competizione dominata dall’Armonia d’Abruzzo delle inavvicinabili Valeria Pysmenna, Chiara Ianni, Federica Febbo, Carmen Crescenzi, Chiara Di Battista e Margarita Mamun, resta poco da commentare. Forse qualche dato statistico incoraggiante per il nostro movimento in evidente crescita, stando almeno al rendimento delle stelle straniere. Qualche curiosità  allora.

Nella prima prova una ginnasta del calibro di Aliya Garayeva (numero 4 al mondo se non andiamo errati) al nastro (27,450) era a mala pena riuscita a rintuzzare gli attacchi di Veronica Bertolini (27,200) e di Federica Febbo (27,050), nulla potendo contro la olimpionica Julietta Cantaluppi (27,500) in grado anche di superare la Staniouta al cerchio: 27,850 contro 27,500.

Oltre alla nostra Dora Vass, faticano anche ginnaste del calibro della bielorussa che si è vista nuovamente superare, questa volta alla palla (27,150) ancora dalla stella di Fabriano Julietta Cantaluppi (27,550) e anche da Federica Febbo (27,350) lasciandosi avvicinare anche dalla giovane Greta Merlo (26,750).

Ha dunque ragione di rallegrarsi la prof. Ssa Marina Piazza, DTN della sezione GR quando si dice felice di vedere queste giovani belle ginnaste pronte per il futuro”.

Di questa festa anche noi siam parte.

CLASSIFICA II Serie A1 Chieti

CLASSIFICHE DOPO 2 PROVE

A1 1. Armonia d’Abruzzo 25+25= 50 punti

2. San Giorgio 22+20= 42 punti

2. Virtus 20+22= 42 punti

4. Aurora Fano 18+16= 34 punti

5. Fabriano 18+14= 32 punti

6. Motto Viareggio 10+16= 26 punti

7. Arcobaleno Prato 12+10= 22 punti

8. Ritmica Piemonte 14+6= 20 punti

8. Brixia Brescia 8+12= 20 punti

10. Eurogymnica Torino 6+8= 14 punti