SPECIALITA’: REBY E GIGIA CAMPIONESSE ITALIANE!

DUE SQUILLI DELLE JUNIORES ED EG FA 18!!!

Nazionali di Biella generosi con Di Siena che vince anche un bronzo alle clavette

Nel 2006 fu Sonia Vinetti alla palla tra le Juniores a scrivere per prima il nome di una EGirl nell’albo d’oro dei titoli italiani della F.G.I..

Ieri il cielo sopra Biella era relativamente lo stesso, le protagoniste sono state ancora due Juniores e pure il risultato non è cambiato: oro allora come ora.
La categoria giovanile ha sempre dato tante soddisfazioni al nostro club e lo possono testimoniare tutti quei tifosi dell’Onda che abbiano avuto la fortuna di seguire in questi anni le gesta del Capitano Daniela Bertolino ad esempio (questo w.e. a un soffio dalle qualificazioni per le finali alle clavette), capace di vincere addirittura 6 ori in tre stagioni da Junior, togliendo ogni speranza alle avversarie, di anno in anno.
Valentina Tronci, Ylenia Gugliotta, Ilaria Giannone e finalmente Rebecca Di Siena e Giada Lideo.

Le due biellesi allenate da Tatsiana Shpilevaya, tecnica bielorussa di altissimo livello ed esperienza internazionale, da qualche tempo “naturalizzata” EG, avevano tutte le carte in regola per fare il colpaccio.
Giada aveva dimostrato durante l’arco dell’intero campionato, a partire dalle fasi regionali e proseguendo con quelle interregionali, di avere qualcosa in più che le avrebbe permesso di fare la differenza sulle avversarie.
Per Gigia si può dire che il vero avversario da battere fosse se stessa, non essendo facile presentarsi ad una competizione con i favori del pronostico. Le qualificazioni di sabato che davano accesso alle finali alle sei migliori ginnaste, lo hanno confermato una volta di più con il primo posto (12,800) davanti ad Ilaria Landini dell’Aurora Fano (12,700) e Manuela Ansaloni – Putinati Ferrara (12,550).


Rebecca, anticipando la compagna con fune e clavette aveva addirittura raddoppiato la posta. Per lei, mai sul gradino più alto ai regionali e agli interregionali, un primo ed un secondo posto provvisori: alla fune con 13,500 davanti ad Irene Baj (12,800) della Valentia e Sofia Guffanti (12,500) della Coccinella; alle clavette (13,600) subito dietro a Sofia Pinto (14,100) della Valentia e prima di Camilla Zuccaro di Fabriano con 12,700.

Non ce la faceva purtroppo a centrare la qualificazione Allegra Cutrona alla palla e alla seconda finale nazionale consecutiva.

Stesso destino per Daniela Bertolino, unica rappresentante di EG tra le Seniores e settima, prima esclusa dalla finale, per soli 0,05 centesimi di punto nella competizione alle clavette.
Ma si sa che lo spettacolo nella Specialità è dato anche da questa formula, un po’ crudele ma avvincente allo stesso tempo.

Passata la nottata, ripresentatesi domenica mattina di buonora al Pala Pajetta, sede scelta dalla Pietro Micca per ospitare l’evento, le due EGirls hanno buttato in pedana per l’ultima volta tutto quello che ancora avevano in serbo.
Esplosiva alla fune Reby, con un esercizio perfettamente stile “energie alternative”, in cui il piccolo alternatore umano ha trasformato la passione e la voglia di arrivare in oro.

Difficile da comprendere per chi sugli spalti ancora sbadigliava o tentava di riattivare le varie parti del corpo.

Rebecca (13,450) non ha commesso alcun errore e liquidando la pratica nel minuto abbondante previsto, ha rintuzzato gli attacchi delle stesse tre avversarie di qualificazione, Irene Baj e Sofia Guffanti, rispettivamente seconda e terza.
Forse un po’ paga del risultato, Rebecca si è ripresentata di lì a poco per difendere la prima posizione conquistata anche alle clavette ma questa volta l’unico errore le è costato molto caro, escludendola della corsa all’oro che sembrava alla sua portata. Oro vinto da Sofia Pinto con 13,600 davanti a Camilla Zuccaro con 13,200. Bronzo quindi per Rebecca con 13,050.

Nell’incalzante programma di gara della Specialità non ci sono tempi morti, soprattutto in finale, così in men che non si dica era già il turno di Giada.
Ancora perfetta la sua esecuzione, come tutte quelle da lei fornite in precedenza, sicura, equilibrata, una di quelle ginnaste che tanto ci piace ammirare dalle tribune perché con la loro naturale tranquillità fanno sembrare tutto semplice naturale, risparmiando spasmi che di anno in anno diventano meno sopportabili e tanto, tanto logoranti. Grazie!
Il suo 13,650 è sembrato subito un punteggio importante e sufficiente a regalare una grande soddisfazione all’Onda Blu. Solo la brava atleta dell’Aurora Fano, Maria Chiara Gastreghini (13,150) ha lasciato col fiato sospeso i fans di Giada ma alla fine il secondo oro di giornata ed il diciottesimo nella storia di Eurogymnica è finito nelle mani della nostra beniamina. Terza ancora un’atleta di Fano, quell’Ilaria Landini (13,050) che nelle qualificazioni come detto era seconda.

Intanto il medagliere si definisce e certifica che con i suoi due ori di giornata EG è la seconda associazione in classifica dietro a Motto Viareggio che di ori ne vince 3.

Giusto il tempo di celebrare l’oro alle clavette dell’amica Sarah Re, che lo scorso anno vestì i colori di EG e già suona l’inno di Mameli, con due nuove stelline biancoblu piazzate sul gradino più alto del podio, a braccia alzate, brandendo un coppa piena di palpiti, sospiri, speranze, lacrime ma soprattutto di nuove amicizie e voglia di fare, insieme. Un po’ il segreto del lavoro che le due sezioni, torinese e biellese, stanno impostando e che persino in anticipo sui tempi previsti  sta dando i frutti sperati.

Le dediche sono tante ma prerogativa delle atlete che raggiungono insieme alle loro tecniche  i risultati; i ringraziamenti invece sono un obbligo che ci spinge ad essere grati a chi come Carlo Vineis e i volontari del gruppo di Biella, stanno facendo tanto ogni giorno per far vivere e crescere la nostra sezione biellese.

Avanti così dunque e chissà quante cose belle ci riserva il futuro… Si parte già questa settimana con il Campionato Regionale di Serie D che lo scorso anno fu appannaggio delle nostre ginnaste intenzionate a bissare il successo. Staremo a vedere.

La classifica Finale Campionato Nazionale di Specialita GR 13

SalvaSalva