SPECIALITA’: INTERREGIONALI 2014 NEL SEGNO DI EG!

2 Titoli a testa a Castellanza

DOPPIA COPPIA: REBY E CARLOTTA DOMINANO

GLI INTERREGIONALI DI SPECIALITA’ 2014

Un oro e un bronzo anche per Giada Lideo

 

5 Titoli interregionali di Specialità: un risultato importante per una società piemontese, che per essere eguagliato ci obbliga a dei ricorsi storici risalenti al 2009, quando sempre Eurogymnica riuscì addirittura a fare meglio, con i due ori a testa di Sonia Vinetti e Ylenia Gugliotta, il titolo di Daniela Bertolino, vincitrice anche di un argento ed infine con il bronzo di Ilaria Giannone.

Le EGirls sabato al palasport di Castellanza sono andate molto vicine ad eguagliare quell’impresa, con due strepitose ginnaste in grado di dominare (crediamo sia un termine appropriato visti i punteggi) le rispettive categorie.
Tra le juniores Rebecca Di Siena strapazza le avversarie vincendo con la fune e con il punteggio di 15,60, lasciandosi alle spalle Sofia Guffanti (13,00) a ben 2,6 pt e la terza classificata Letizia D’Arenzo (12,00).

Campionessa italiana in carica, sarebbe inutile non ammettere che visto lo stato di forma fisico e mentale Reby è senz’altro una delle candidate ad una medaglia ai prossimi nazionali di Spoleto in programma il 26 e 27 aprile, non solo alla fune ma anche con il suo secondo attrezzo, le clavette.
La Top Gun della pedana rompe per la seconda volta il muro dei Mach 15 vincendo anche il doppio attrezzo con 15,10 inseguita invano da Martina Scarsella, argento con 13,65 e da Martina Luongo bronzo con 12,75.

A dare ulteriore consistenza al palmares di EG, bella e festeggiata vittoria di Giada Lideo che vince il titolo al cerchio, sempre tra le juniores con il punteggio di 13,75 davanti a Federica Malamisura con 12,80 e Sabrina Deiana 11,95.


Gigia completa l’opera con un bel bronzo al nastro (12,45), questa volta sofferto, ai danni di una vecchia conoscenza o volendo di una vecchia e giovane gloria del nostro club, Noemi Reale (12,30) in forza alla Concordia di Chivasso e quarta classificata.
Tra le juniores non ce la fanno a superare il turno, riservato esclusivamente alle prime tre ginnaste in gara, Anna Pellegrini quinta al cerchio e soprattutto quarta alla palla parimerito con la compagna Alice Vezzù, gemelle poco fortunate; Alessia Zacchè con la fune autrice di una buona prestazione; Annika Sereno con nastro e palla; Virginia Thellung con le clavette.

Una serie di errori evidenti e ben spalmati su tutto l’esercizio con palla e nastro hanno invece danneggiato irreparabilmente il tandem Ilaria Billò – Silvia Marchese, mai entrate in gara nonostante l’esercizio interessante, oltretutto ben eseguito in queste ultime settimane.

La scarica di adrenalina definitiva, copiosa e sufficiente per tutto il w.e., la somministra all’Onda Blu Carlotta Pellissier, senior determinata quanto modesta, autrice di una doppietta stupefacente e soprattutto inattesa.

Non che l’aostana non avesse già dato cenni di crescita e di maturità nelle gare regionali ma certamente immaginare d’andare a vincere due titoli su una piazza così prestigiosa come l’interregionale NO non era nei programmi.

Obbligata da un sorteggio maligno ad aprire le danze con la fune, Carlotta esegue l’esercizio con la solita grinta. Il conseguente 14,35 seppur senza riferimenti, lascia immaginare la qualificazione alla fase nazionale e di conseguenza una medaglia.
Le sensazioni risultano corrette, anzi la realtà superà la fantasia e al termine della contesa l’EuroGymnasta si ritrova in cima alla classifica con alle spalle Fioravanti e Saviolo a parimerito.

La grande soddisfazione non appaga la neo campionessa, che si rituffa a capofitto nella gara con le clavette e questa volta da l’impressione di essersi lasciata dietro anche quella tensione accumulata all’esordio con la fune.
Perfetta in esecuzione, i sorrisi sinceri alternati ad espressioni spontanee fanno del suo esercizio un breve racconto di poco più di un minuto: un thriller che termina nel migliore dei modi.
Vince bene, con 14,15 davanti all’ennesima vecchia amica, la genovese Sara Re, ex EGirls mai dimenticata, seconda. Terza Bisi.

Prima della premiazione che sancisce e certifica il doppio successo, c’è tempo per ammirare la buona prestazione di Allegra Cutrona che si disimpegna bene sia con la palla che con le clavette senza centrare però l’obiettivo della qualificazione.

EG esce dal PalaBorsani con 5 titoli in più in bacheca e con una leadership ben rinforzata ma nello sport il giorno dopo le gare tutto si azzera e si riparte verso nuovi obiettivi, alla pari… o quasi.
Prima occasione utile il prossimo w.e. nel doppio impegno agli Interregionali di Serie C dove EG si presenta come campionessa regionale con due divertenti squadrette e ai regionali di Serie D, sempre vinti negli ultimi anni.

SalvaSalva