II DI SERIE A: EGT CASCELLA SALE AL SESTO POSTO

Al Pala Banco Desio le EGirls spaccano

EUROGYMNICA TORINO CASCELLA: UN’IMPRESA DI ALTRI TEMPI

 
Un’impresa che sarà ricordata, quella di Eurogymnica Torino Cascella a Desio, sabato 3 novembre 2018, una performance piena di carattere e dal sapore di tempi andati.
A quelli dell’Onda Blu, la torcida biancoblu, che vantano una militanza antica non possono non essere tornate alla memoria le gesta di formazioni leggendarie che regalarono tanti allori, non solo grazie alla classe delle EGirls che le componevano ma soprattutto al desiderio di queste di farcela, di lasciare un segno. Una fiamma inesauribile che non smetteva mai di bruciare.
Nella II Prova del campionato più bello del mondo, proprio con quello spirito, è arrivata la prestazione da incorniciare, quella che non ti aspetti ma che sogni sempre, soprattutto perchè giunta dopo tante vicissitudini.


La trasferta è infatti iniziata sotto presagi tutt’altro che incoraggianti, con l’infortunio ad un dito della mano di Nina Corradini che rischiava di metterla fuori gioco e recuperata solo in extremis. Un recupero fallito invece dalla nostra greca Eleni Kelaiditi, purtroppo obbligata a dare forfait un’ora prima dell’inizio della competizione a causa di un attacco influenzale che non le ha dato scampo.
Due colpi pesanti da assorbire ma che dopo qualche momento di sconforto hanno ricompattato il gruppo e dato ulteriori motivazioni alla squadra, decisa a buttare in pedana tutta la classe e tutte le energie disponibili.
Brave Tiziana Colognese e lo staff a rimescolare le carte e ricomporre pochi minuti prima dell’inizio, una formazione da mandare in pedana. Incomiabile poi la disponibilità da parte delle ginnaste a tentare il tutto per tutto. Menzione in primis per Gaia Garoffolo che ha accettato di eseguire due esercizi consecutivamente, il cerchio (15,150), quello destinato ad Eleni e poi la “sua” palla (13,900). Un sacrificio non da poco nella ritmica, impegnativo sia fisicamente che psicologicamente ma grazie al quale Gaia ha dato prova di grande maturità e ritrovato molto dello smalto che aveva un po’ smarrito tre settimane fa a Forlì.


Grazie alla sua doppia performance Eurogymnica Torino Cascella ha praticamente ridotto di molto il gap dovuto alla mancanza della straniera ed ha praticamente lanciato la volata ad una superlativa Alessia Leone, artefice di una spettacolare esecuzione alle clavette premiata con un prezioso 16,100, il primo della sua giovane carriera, il più alto della giornata tra le EGirls, che le ha permesso di conservare uno standard di rendimento alto ormai da tutto l’anno, mantenendola sotto le luci di una ribalta nazionale.


Come da regolamento, la routine si era aperta con Laura Golfarelli al corpo libero che ha bissato il punteggio della I prova romagnola (12,850), ancora tra le migliori nonostante la giovane età (2007). Nina non al massimo come già detto a causa dell’infortunio, ha resistito stoicamente e grazie alla volontà e al talento ha comunque fatto registrare un importante 15,450 alla fune.

In una giornata così particolare e zeppa di emozioni, non è mancata neppure quella procurata dall’esordiente di turno, Giulia Turolla che dopo aver conquistato solo pochi mesi il suo primo titolo italiano, si è regalata anche una prima alla Scala della ritmica accaparrandosi un bel 14,050 al nastro. Festa per lei sugli spalti ma anche in quel di Chieri, dove la castelnuovese è nata ginnicamente, scoperta da Monica Olivero della Zenith.


Tecnicamente parlando, colpisce il fatto che tutte prestazioni sono risultate di alta qualità ma ancora decisamente migliorabili e tutte le ginnaste hanno comunque commesso degli errori al netto dei quali il punteggio totale avrebbe potuto essere ancora più strabiliante.
Eurogymnica Torino Cascella è in ogni caso riuscita, a sopresa, senza straniera e con una formazione di età media di 14 anni, a piazzarsi nuovamente al settimo posto con un 87,500 finale che sommato ai 90,550 precedenti fa risalire il club di un’ulteriore posizione nella classifica generale (178,050).
A due prove di distanza dal traguardo prefissato, ovvero la permanenza nel campionato di Serie A1, le EGirls devono solo rimanere concentrate e restare tra le prime 12 squadre nelle ultime due tappe. La prima a Fabriano e la seconda a Sa n Sepolcro (Arezzo), dove i giochi potrebbero già essere fatti.
Una recuperata Kelaiditi potrà scendere in pedana con tre attrezzi da spalmare sulle due prove, una chance in più per un risultato che potrebbe diventare clamoroso.
Infine, la cronaca della gara racconta di una Faber Ginnastica Fabriano che conquista nuovamente il gradino più alto del podio con il totale di 107,350, secondo gradino del podio per Udine 102,900 e terza Armonia d’Abruzzo 96,400.

II Prova Serie A 2018 – Classifica

Classifica generale dopo due prove

1 FABRIANO 201,600
2 UDINE 205,150
3 ARMONIA 197,000
4 MOTTO VIAREGGIO 190,750
5 AURORA FANO 184,300
6 EUROGYMNICA TORINO 178,050
7 MODERNA LEGNANO 177,750
8 FALCIAI 174,000
9 DESIO 173,300
10 PONTEVECCHIO BOLOGNA 171,700
11 VIRTUS GALLARATE 171,100
12 FLAMINIO 169,900
13 OPERA 167,850
14 IRIS GIOVINAZZO 165,950
15 GYMNICA 96 164,850
16 TERRANUOVA 163,550
17 PETRARCA AREZZO 157,650
18 ARDOR PADOVA 156,800
19 ETRURIA PRATO 153,650
20 VIRTUS GIUSSANO 142,700